classe merito familiare, Decreto Bersani

Assicurazione auto, come funziona l’acquisizione della classe di merito del Decreto Bersani

L’introduzione del Decreto Bersani (dl 7/2007) ha apportato diverse agevolazioni per i consumatori relative alle polizze RC auto, come ad esempio la possibilità di conservare la classe di merito (CU) dell’ultimo contratto stipulato in vigore o non scaduto da oltre 5 anni. Inoltre, prevede che le imprese di assicurazioni, in caso di stipula di un nuovo contratto, relativo ad un ulteriore veicolo della medesima tipologia, acquistato dalla persona fisica già titolare di polizza assicurativa o da un componente stabilmente convivente del suo nucleo familiare, non possano assegnare una classe di merito più sfavorevole rispetto a quella risultate dall’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo già assicurato.

Il sistema bonus/malus

Regola la maggior parte delle polizze di assicurazione auto e consiste in una suddivisione in classi di merito, ognuna delle quali incide sull’importo da pagare come premio. Le classi vanno da 1 a 18, dove 1 è la più bassa e la più economica, e la 18 la più alta e costosa.

Quando si provoca un incidente, la propria classe sale mediamente di due punti, mentre un anno intero senza incidenti equivale a un punto in meno.

In cosa consiste l’acquisizione della classe di merito del familiare

Più nel dettaglio: quando si acquista un veicolo, nuovo o usato esso sia, la legge prevede che la CU di partenza sia la 14. Con la possibilità di acquisire la classe di merito di un familiare introdotta dal Decreto Bersani invece, si può assicurare un veicolo partendo dalla classe di merito di un veicolo in possesso del proprietario o di un familiare convivente, senza la necessità che esso sia un parente.

Da tutto ciò si trae ovviamente un doppio vantaggio, di cui uno economico. Stipulare infatti una nuova polizza, partendo dunque da CU 14, costerà di più rispetto allo stipulare una nuova polizza acquisendo la classe di merito.

L’acquisizione della classe di merito del familiare non determina anche l’acquisizione della sua dell’anzianità assicurativa, che rimarrà quella del titolare stipulante.

Condizioni

I requisiti e le condizioni per poter usufruire di questa agevolazioni sono i seguenti:

  • Gli intestatari dei veicoli devono essere persone fisiche, dunque non persone giuridiche;
  • Il proprietario dell’altro veicolo deve essere o la stessa persona o appartenente allo stesso nucleo familiare e convivente, quindi presente sullo stato di famiglia rilasciato dal Comune di residenza;
  • La polizza dalla quale si acquisisce la classe di merito deve essere attiva e non sospesa o scaduta.

La classe di merito può essere conservata anche in caso di furto, con la condizione che la nuova polizza di assicurazione auto venga stipulata entro un anno dalla data della denuncia del furto. Stesso discorso vale per la demolizione e l’esportazione all’estero.

In caso di decesso

L’agevolazione relativa all’acquisizione della classe di merito CU nel caso in cui la seconda persona sia deceduta può essere goduta soltanto dal coniuge e in regime di comunione dei beni, in quanto considerato comproprietario del veicolo.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006