Gli italiani e le assicurazioni: un rapporto complicato nonostante la pandemia da Covid-19

Il comparto delle assicurazioni sulla vita, sulla casa e sulla famiglia in Italia, rispetto al resto dell’Europa, stenta a decollare. Secondo dati Ania 2020, infatti, il rapporto tra premi vita e PIL è stato del 5,9% nel 2019, un valore basso seppur in leggero rialzo rispetto all’anno precedente.

Poco convinti e un po’ fatalisti, gli italiani continuano a mostrarsi scettici circa la possibilità di stipulare un’assicurazione che li protegga da malattie, incidenti domestici o controversie esterne e che protegga la propria abitazione da eventi avversi per specie e natura.

Cosa è cambiato dall’inizio della pandemia da Covid-19

Da quando la pandemia da Covid-19 è iniziata, la situazione non è cambiata molto, dimostrando che la poca fiducia che l’Italia ha nelle assicurazioni è un problema legato in buona parte ad un retaggio culturale.

La sottoscrizione di polizze sulla vita non ha subito rialzi importanti nel 2020: nel primo trimestre dell’anno passato, infatti, il saldo tra le entrate e le uscite nel comparto in Italia è stato il più basso mai registrato da sei anni a questa parte, un calo dell’11,3% rispetto al 2019.

In realtà, le polizze assicurative, siano esse sui viaggi, sulla salute, sulla famiglia o sulla vita, possono avere un legame molto forte con il momento storico che stiamo vivendo e sono in grado di garantire una tutela importante anche e soprattutto in un’epoca così controversa, determinata da uno stretto rapporto causa-effetto dal punto di vista della salute pubblica e degli spostamenti.

Pensiamo ad esempio alle polizze malattia: tutte garantiscono, tra le altre situazioni, anche una tutela in caso di ricovero per qualsiasi motivo, compreso il contagio.

Assicurazioni specifiche per l’epidemia da Covid-19: il punto della situazione

Alcune polizze malattia sono state integrate con nuove coperture, specifiche per l’emergenza Covid-19.  Laddove invece i contratti assicurativi non sono stati integrati con misure ad hoc per il rischio pandemia/epidemia è evidente che questa casistica è già coperta all’interno dell’assicurazione stessa.

Sempre a titolo esemplificativo: la copertura in caso di malattia non esclude di per se il rischio epidemico ma anzi, qualora il servizio sanitario nazionale andasse in sofferenza, chi è assicurato può beneficiare del servizio privato anche per sottoporsi ad accertamenti sanitari che escludano la presenza di patologie connesse al virus.

Scegliere di assicurarsi durante l’emergenza sanitaria

Oggi è importante più che mai informarsi: porre le giuste domande ad un consulente preparato e competente è garanzia di accesso a tutta una serie di informazioni specifiche e basilari per poter fare una scelta oculata e razionale.

Scopri i servizi assicurativi offerti da IBL Banca, per non lasciare niente al caso.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Partita IVA 14994571009