Prestiti con disguidi bancari

Prestiti con disguidi bancari, ecco come ottenere nuova liquidità

Protestato o cattivo pagatore? Con disguidi bancari a carico, alla richiesta di un finanziamento si chiudono tutte le porte. O meglio: quasi tutte.

Può essere bastato un solo ritardo nel pagamento della rata di un finanziamento per aver ottenuto una segnalazione come cattivo pagatore alle centrali rischi (CRIF, CTC, Experian o altro). Questo disguido può segnare la nostra “vita finanziaria” rendendo praticamente impossibile qualsiasi rapporto creditizio con una banca o altro ente finanziario.

Disguidi bancari? Una soluzione è nel Quinto

Può esistere un modo per “aggirare” il problema del disguido bancario ed è nelle nostre entrate fisse e regolari: lo stipendio o la pensione. Richiedere un finanziamento non finalizzato, anche senza garanzie patrimoniali, quando possiamo contare su uno stipendio o una pensione è semplice: basta fare affidamento alla propria banca o istituto finanziario di fiducia per richiedere la Cessione del Quinto. A seguito della valutazione del caso specifico, la richiesta di prestito potrà essere accolta mettendo, in poco tempo, a disposizione il finanziamento richiesto. Le rate verranno trattenute dalla busta paga o dalla pensione, eliminando ogni motivo di ritardo o insolvenza nei pagamenti delle rate di rimborso.

Dare credito a un sogno

Molto spesso, la segnalazione alle centrali rischi avviene per piccoli disguidi bancari. Tra le varie tipologie di prestiti è possibile trovare la soluzione giusta per poter continuare a sognare e a investire nel futuro. La Cessione del Quinto può essere la soluzione ideale per dare credito ai vostri progetti. Per scoprire di più su questo tipo di prestito, leggete qui.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006