prestiti a tasso negativo

Prestiti a tasso negativo? Da valutare sempre con attenzione

Quando si è alla ricerca di finanziamenti convenienti (per necessità, per realizzare un progetto tanto sognato, o anche solo per esaudire un proprio piccolo desiderio), capita sempre di trovare questa soluzione: i prestiti a tasso negativo. Ma non bisogna cedere subito a facili entusiasmi, perché si tratta di una soluzione da valutare sempre con grande, anzi grandissima attenzione.

Di cosa si tratta

Il concetto è estremamente semplice (e, anche per questo, ancora più allettante): dal momento che il tasso di interesse è negativo, si restituisce una somma inferiore a quella che è stata chiesta all’istituto di credito. Proprio tale caratteristica ha reso questa tipologia di prestito così diffusa in tempi relativamente brevi.

Facciamo un semplice esempio:

  • Poniamo un prestito di 5mila euro;
  • L’istituto di credito chiede un tasso di interesse di -2% e stabilisce che il prestito deve essere ripagato entro un anno;
  • Alla fine dei 12 mesi, il debitore restituirà 4.900 euro, quindi una cifra più bassa rispetto a quella iniziale.

Prestiti a tasso negativo: sono davvero convenienti come sembra?

Ora, bisogna fare alcune precisazioni per valutare l’effettiva convenienza di un prestito a tasso negativo.

  • Cifra richiedibile bassa. Un prestito a tasso negativo permette, in linea di massima, di richiedere cifre molto basse, o il rischio per l’istituto di credito diventa insostenibile.
  • Piano di rientro a breve termine. Allo stesso modo, il piano di rientro di un prestito a tasso negativo è sempre a breve termine, un paio di anni al massimo, elemento che può rendere difficoltoso versare le rate.
  • Garanzie per richiederlo eccessivamente alte per la cifra erogata. A fronte di una cifra erogata palesemente bassa, le garanzie richieste possono essere alquanto elevate, come avere un reddito fisso dimostrabile, particolare che rende un prestito a tasso negativo non alla portata di tutti.

In altre parole, quando ci si trova di fronte a un prestito a tasso negativo, bisogna sempre pensare che si tratta, più che altro, di una strategia promozionale messa in atto dall’istituto di credito che lo eroga.

Chiedere un prestito: ci sono soluzioni migliori

I prestiti a tasso negativo sono, appunto, una promozione. Per esigenze molto più concrete e immediate, è sempre preferibile ricorrere a finanziamenti che garantiscono serietà e affidabilità.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006