spese scolastiche alle quali non avevi pensato

Back to school: 5 spese scolastiche alle quali non avevi ancora pensato

Settembre: si torna a scuola. Dopo aver letto i nostri consigli su come risparmiare sulle spese scolastiche, è tempo di pensare se abbiamo pianificato nel nostro bilancio familiare tutte le spese legate (direttamente o indirettamente) alla scuola. Ecco, allora, un piccolo promemoria per le spese che spesso non si considerano, ma che possono incidere significativamente sulle finanze di una famiglia, se sommate alle uscite di “normale amministrazione”.

Quando la scuola è fashion

È vero: tra i consigli per risparmiare sulle spese scolastiche avevamo consigliato di tagliare i costi superflui evitando lo zaino e il diario all’ultima moda: quelli con il brand sopra del supereroe in voga o della principessa di turno. Tuttavia non è sempre facile convincere i nostri figli che non saranno da meno con accessori più anonimi (e meno costosi). D’altra parte, per loro, quella è un’affermazione d’identità e le stesse dinamiche le possiamo ritrovare anche nelle nostre scelte d’acquisto.

La prima voce di spesa inattesa riguarderà proprio lo scontrino di questi accessori brandizzati. Soprattutto se pensavate di convincerli ad accontentarsi di zaini, diari e astucci senza brand.

I contributi scolastici “volontari”

Sta diventando una voce di spesa sempre più consistente, durante l’anno scolastico: è quel contributo “volontario” richiesto da molte scuole ai genitori in termini di fornitura di materiali consumabili, somme di denaro o collette per l’acquisto di attrezzatura necessaria.

La crisi dei bilanci scolastici ha portato le famiglie a dover sopperire a mancanze di dotazioni essenziali. Il ché fa diventare quel contributo “volontario”, semplicemente necessario per il dignitoso svolgimento delle lezioni.

Anno nuovo, abbigliamento nuovo

Non è una spesa strettamente legata all’inizio della scuola, ma sicuramente il nuovo anno richiede un abbigliamento adeguato. I bambini e i ragazzi crescono velocemente: gli abiti dello scorso autunno non vanno più bene, per non parlare della tuta e delle scarpe da ginnastica dello scorso anno che sono inutilizzabili. Ecco, allora, che il back to school si trasforma in una corsa all’acquisto di un nuovo corredo, con relativo esborso.

Le attività collaterali

Attività sportive, gite, visite ai musei, teatro e cinema: avete già messo in preventivo tutto? Nonostante non siano attività obbligatorie, fanno parte di un percorso formativo e aiutano l’inclusione e l’integrazione dei ragazzi con i loro compagni di classe.

L’incubo della colletta per i regali

Soprattutto nelle materne e nelle scuole primarie l’usanza di pensare il regalo di compleanno per tutti i bambini e i ragazzi della classe è sicuramente gradita ai diretti interessati. Tuttavia, per classi molto numerose, può diventare una vera emorragia di fondi.

Avete altre idee su quali siano le spese legate alla scuola alle quali generalmente non si pensa? Fatecelo sapere nella nostra pagina Facebook.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006