Credito revolving: cos’è, come funziona, a chi richiederlo

Il credito revolving, ormai noto con il nome di credito rotativo, è un sistema di pagamento sempre più utilizzato. Vediamo, nello specifico, cos’è e come funziona questa soluzione.

Cos’è

Il credito revolving è abbinato a una carta di credito e il suo funzionamento è simile al fido bancario. Si tratta di una soluzione che molti adottano per rimandare il pagamento di alcune spese.

Ma spesso capita che ritardarle di un mese non sia sufficiente, è quindi necessario dilazionarle. Il credito revolving permette tutto questo, rateizzando i costi sostenuti entro il tetto massimo di spesa, stabilito appunto da un fido.

Come funziona

Si tratta di una carta di credito particolare, che consente di pagare le vostre spese, rateizzando gli estratti conti. Volendo fare un esempio pratico per spiegare il suo funzionamento, possiamo dire che l’importo di un acquisto pagato con la revolving non è addebitato tutto in una volta, ma in rate mensili, sul conto corrente del titolare.

Tali rate servono poi a ricostruire il fido. Ogni mese, infatti, il titolare della carta riceverà un estratto conto riepilogativo delle spese effettuate con anche il dettaglio dell’utilizzo del credito, della rata addebitata e del fido nuovamente disponibile.

Il rimborso del revolving

In sostanza, viene stabilita una rata minima che dovrete ripagare mensilmente e che, a vostra discrezione, potrà anche aumentare (fino ad arrivare, praticamente, a pagare l’intero saldo). Resta fermo l’obbligo di versare i rimborsi alle scadenze concordate.

Con il versamento mensile:

  • Si versano gli interessi;
  • Si ricostruisce il credito iniziale.

In sostanza, questa tipologia di finanziamento non ha una durata prefissata, quindi è molto richiesta per la sua flessibilità.

A chi richiederlo

Il credito revolving è generalmente promosso da banche e finanziarie. L’istituto a cui ci si rivolge accorda l’utilizzo di una somma di denaro a credito. Parliamo di cifre non ingenti, ma che consentono degli acquisti di piccola o media entità. Il rimborso è però il punto focale e dunque prestate attenzione ai tassi d’interesse.

Considerate poi che dovrete versare anche un contributo per l’emissione e l’attivazione della carta e una sorta di tassa annuale. Di solito, il credito concesso potrà essere rimborsato mensilmente con rate pattuite tra cliente e istituto. Dopo aver restituito la somma ricevuta, il credito si rinnova automaticamente, ma entro un certo limite di volte, stabilito da voi, in accordo con l’istituto di credito.

Le condizioni per richiedere il credito revolving

Se avete deciso di ricorrere alla soluzione del credito revolving, la valutazione della proposta dall’istituto di credito deve essere fatta in base a questi indicatori:

  • TAN, tasso annuo nominale, il tasso di interesse, espresso in percentuale, che viene applicato al capitale finanziato;
  • TAEG, tasso annuo effettivo globale, a misura percentuale del costo complessivo del finanziamento;
  • Spese annuali che possono essere richieste per il credito revolving;
  • Altre voci di costo (varie ed eventuali).

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006