Banca tecnologia

Come cambieranno i nostri rapporti con la banca grazie alle tecnologie: 5 spunti di riflessione

Abbiamo parlato con Andrea Manfredi e Andrea Bigi su come sarà la banca del futuro partendo dalla situazione attuale. Nello specifico ci si è soffermati anche sulla tecnologia e su come la digitalizzazione dei servizi sia un ambito fondamentale per la competitività di una banca.

In pratica, come potrebbe cambiare il nostro rapporto con la banca grazie alle nuove tecnologie? Ecco 5 proiezioni che ci fanno ragionare su un possibile domani degli istituti bancari.

  1. L’App: lo sportello virtuale – Come abbiamo visto nell’ambito della chiacchierata con Manfredi e Bigi, probabilmente in Italia non si arriverà mai alla completa sostituzione del rapporto personale con il consulente e l’addetto allo sportello. È una questione culturale. Sicuramente, tuttavia, le App stanno divenendo sempre più centrali per le operazioni di base, permettendo alle banche di abbattere i costi di gestione e agli utenti di avere a disposizione uno sportello aperto sempre e a portata di palmare.
  2. Riconoscimento vocale – Addio token, password da mandare a memoria e firme digitali. La nuova tecnologia per l’identificazione personale sicura punta tutto sul riconoscimento vocale. Un sistema pratico che permetterebbe di accedere ai propri conti bancari e disporre dei fondi senza bisogno di strumenti di accesso. Compresa la carta di pagamento.
  3. Sicurezza attiva – Raccogliendo i dati sui comportamenti di gestione dei propri fondi, i sistemi di sicurezza delle banche che la tecnologia renderà sempre più sofisticati, potranno avviare verifiche stringenti solo nel caso di azioni anomale. Dando maggiore margine d’azione ai clienti della banca per le operazioni di normale amministrazione.
  4. Proposte di prodotti sempre più profilate – Un altro effetto della gestione dei big data da parte delle banche sarà quello della migliore profilazione delle offerte commerciali, che risponderanno più alle reali esigenze dei clienti, senza annoiarli con contatti inutili.
  5. La banca del futuro: un hub di servizi – Grazie alla facilità d’integrazione con servizi di terze parti, la banca di domani potrebbe diventare un aggregatore di servizi customizzati al quale si può accedere direttamente dal proprio conto.

Secondo voi come sarà la banca del futuro? Vi invitiamo a discuterne con noi sulla nostra pagina Facebook.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006