Inquinamento internet

L’inquinamento di Internet: come il web avvelena l’ambiente

Ogni click contribuisce a inquinare l’ambiente. Sembra stupido, ma ogni mossa sul web rappresenta un’azione che contribuisce in un modo o nell’altro a peggiorare la situazione. L’inquinamento di internet, perché si, anche internet inquina a differenza di quanto molti possono pensare.

Il progresso va avanti, il numero di smartphone e tablet si alza, quotidianamente nascono nuovi servizi che necessitano di infrastrutture, data center in continua espansione, e il consumo di energia cresce.

Ed è proprio l’energia elettrica la causa principale dell’inquinamento di internet: si stima che i consumi dell’ICT (Information and Communication Technology), ovverosia l’unione di tutti i servizi quali internet, cloud e voce, provoca l’emissioni di 830 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, corrispondente al 2% delle emissioni globali, percentuale destinata a raddoppiare entro il 2020, lo stesso anno posto come limite dall’Unione europea per la diminuzione del 20% delle emissioni.

Il dato include tutti i consumi annessi all’utilizzo di queste tecnologie, dall’energia elettrica per il pc a quella usata dal server del sito che si visita. Ad esempio, utilizzare un computer e navigare 100 ore al mese equivale all’emissione di 86,4 kg di CO2 in un anno, la stessa quantità di un viaggio in automobile da Bologna a Milano.

Per ovviare in parte a questo problema, molti data center e server farm hanno optato per l’utilizzo di energie rinnovabili e l’installazione di pannelli solari, che seppur in maniera minima contribuiscono ad arginare il problema.

Cosa si può fare per ridurre l’inquinamento di internet? Gli utenti, purtroppo, possono fare ben poco, se non adottare tutti quei piccoli accorgimenti casalinghi per risparmiare sulla bolletta e aiutare l’ambiente. Primo fra tutti lo staccare la spina dei dispositivi che non si utilizzano, non lasciando in stand by i computer, ed evitare di stampare inutilmente fogli: quando è necessario preferire la stampa fronte/retro.

 

 

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/132555972@N08

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006