cosa sono i bitcoin

Moneta e futuro: cosa sono e come funzionano i bitcoin

Bitcoin è una parola alla quale abbiamo iniziato a fare l’orecchio. È facile capire che si tratta di un nuovo tipo di moneta che permette di effettuare gli acquisti online, ma ai più è poco chiaro cosa realmente siano i bitcoin e come funzionino. Per comprendere qual è la portata della rivoluzione monetaria che molti prospettano, iniziamo a comprendere qual è la loro natura.

Cos’è un bitcoin

Il bitcoin è una moneta elettronica (criptovaluta) creata nel 2009 da un misterioso inventore che si cela dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Tuttavia, con lo stesso termine si designa il software progettato per la creazione di un protocollo di comunicazione di rete peer-to-peer, ma in questo caso viene scritto con l’iniziale maiuscola.

Per il grande pubblico un bitcoin (da notare la minuscola) è l’unità di una valuta che non è stata emessa da un ente nazionale. Non si tratta, dunque, di una valuta a corso legale. Tuttavia può essere utilizzata nello scambio privato di beni e servizi, senza alcuna tutela riconosciuta.

Il sistema di transazione e di attribuzione dei bitcoin si fonda sul sistema diffuso della blockchain (trovate un approfondimento sul tema qui) che garantisce un affidabile network di pagamento che chiunque può utilizzare e verificare e che non si può manomettere.

Chi crea e mette in circolazione i bitcoin? I soggetti che creano i bitcoin si chiamano miner. Con computer molto potenti, queste persone o questi gruppi lavorano alla soluzione di problemi matematici che validano la legittimità delle transazioni, ottenendo in cambio nuovi bitcoin.

Quali sono le differenze tra bitcoin e moneta legale

Secondo gli estimatori della criptomoneta, il bitcoin si differenzia dalla valuta legale perché:

  • È di facile e rapido trasferimento;
  • È sicura e verificabile;
  • È limitata (e non può svalutarsi);
  • Non è controllata da autorità centrali.

Molti economisti, invece, quando sentono parlare di bitcoin storcono il naso, mettendo in luce alcuni elementi di questo sistema monetario che potrebbero generare problematiche.

  • Privacy e traffici illeciti: se da un lato l’anonimato delle transazioni è un punto di forza di chi vuole vedere in tale sistema una strada per liberarsi dai “poteri forti”, dall’altro questo stesso elemento potrebbe fornire una copertura per la proliferazione di traffici illeciti.

Investimento ad alto rischio: il valore di questa valuta è molto volatile e dipende dalla diffusione delle transazioni nel mondo. Con la chiusura di mercati importanti, il bitcoin potrebbe perdere repentinamente di valore, vanificando il patrimonio di coloro che hanno investito molto in questa criptomoneta.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006