come-gestire-le-spese-scolastiche

Piccoli finanziamenti: come gestire le spese scolastiche grazie ai prestiti

La scuola comporta costi piuttosto ingenti, specie se vi trovate a fronteggiare le esigenze di più figli contemporaneamente. Per coprire queste uscite si può ricorrere a dei piccoli prestiti personali. Importi contenuti che però vi consentono di gestire le spese di questo periodo. Libri, cancelleria, divise, grembiuli, materiale didattico e tutto l’armamentario che risponde agli ultimi trend del momento, vi faranno sborsare qualche euro non previsto.

Allora vediamo come gestire al meglio le spese scolastiche, grazie ai prestiti.

Le spese scolastiche lievitano? Il prestito personale è la soluzione per voi

Anche le famiglie che possono contare su due stipendi potrebbero farsi cogliere impreparate dalla quantità di materiale da acquistare per soddisfare le richieste dei propri figli. Ecco che le spese scolastiche lievitano e costringono a trovare una soluzione immediata: un prestito personale è quello che fa per voi. Potrete così richiedere un finanziamento di piccola entità, ma sufficiente a farvi disporre della giusta liquidità per gestire le uscite.

I prestiti online: facili e veloci

Se non avete accesso ai finanziamenti pubblici a fini scolastici, potrete sempre richiedere un prestito personale che vi consenta di ottenere una piccola somma in tempi brevi. Dopo aver valutato qual è l’entità del prestito, richiederlo è un procedimento piuttosto veloce. Ormai diversi istituti bancari, al passo con i tempi, offrono la possibilità di inviare la richiesta di finanziamento direttamente online, senza quindi doversi recare in filiale. Una volta presa in carico la richiesta di prestito, la banca procederà alle dovute verifiche, con tempistiche relativamente brevi, proprio perché si tratta di piccole somme.

Valutate TAN e TAEG: il primo determina gli interessi e può variare da banca a banca, il secondo tiene conto di tutte le spese legate al prestito. I prestiti possono essere comparati utilizzando proprio questi importanti indicatori.

I prestiti da 1000 euro: piccole somme in tempi brevi

Un’altra soluzione che vi consentirà di gestire al meglio le spese scolastiche sono i prestiti da 1000 euro: somme non ingenti, erogabili in tempi brevi. I finanziamenti spesso implicano procedure complesse e tempistiche di accoglimento variabili. Nel caso delle spese scolastiche però potrebbe essere sufficiente una somma di denaro facilmente ottenibile, senza particolari garanzie o restrizioni, se non la verifica del reddito del soggetto richiedente. Dal momento della presentazione della domanda a quello dell’accoglimento effettivo del finanziamento, l’attesa è minima. Le informazioni principali che dovete fornire sono: la somma di cui avete bisogno, il valore della rate che preferite e le vostre entrate mensili.

La detrazione delle spese scolastiche: altro modo per risparmiare

Dopo aver avuto la certezza di gestire con tutta tranquillità le spese scolastiche, grazie ad un prestito personale, potete pensare di recuperare una piccola percentuale della somma spesa, attraverso la detrazione fiscale. Tra le spese detraibili nella dichiarazione dei redditi rientrano infatti anche questi costi. Per quello che concerne gli studenti delle sole scuole (i non universitari quindi) la Legge 107/2015 che all’art.1 c.151 lett. a) modifica l’art. 15 c.1 del TUIR, dispone la detrazione del 19% delle spese sostenute per la frequenza delle scuole secondarie e delle scuole dell’infanzia del primo ciclo d’istruzione, sia pubbliche che private.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006