prestiti taeg

Se richiedi un prestito online, controlla il TAEG: anche Google lo richiede

Nel momento in cui si confrontano le varie proposte per un prestito, tra gli elementi da valutare c’è sicuramente il TAEG. Si tratta del Tasso Annuo Effettivo Globale: in poche parole è un indicatore, espresso in percentuale, del costo effettivo del prestito, utile per aiutare a scegliere l’offerta più conveniente tenendo conto anche delle spese accessorie del finanziamento (per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento: “Cosa sono TAN e TAEG? I tassi spiegati con semplicità”).

Uno strumento di trasparenza al servizio del consumatore, la cui fondamentale utilità (sociale e legale) non è sfuggita neanche al più grande operatore del mercato della pubblicità online: Google AdWords.

Pubblicità online sui prestiti: anche Google vuole il TAEG

La piattaforma di advertising online proposta da Google (Google AdWords), per policy sulla divulgazione dei servizi finanziari, ha imposto la comunicazione contestuale all’annuncio (nella pagina d’atterraggio che si raggiunge dopo aver cliccato sull’annuncio testuale) di alcuni elementi necessari alla valutazione della qualità dell’offerta di prestito:

  • TAEG;
  • Periodo minimo e massimo per il rimborso del prestito;
  • Esempio di prestito comprensivo di costo totale (commissioni incluse).

Questo obbligo imposto agli inserzionisti di servizi finanziari, pena il rifiuto dell’annuncio, è valido per le tipologie di prestito che Google ha chiamato “prestiti personali” (piccoli prestiti, prestiti con titolo di garanzia, prestiti su pegno). Non risultano inclusi i mutui, i prestiti finalizzati, i prestiti scolastici, le carte di credito e le linee di credito personali.

Prestiti online: la comparazione già dall’annuncio

L’indicazione del TAEG (assieme al TAN) negli annunci che pubblicizzano prestiti deve essere sempre presente e chiaramente identificabile: è un obbligo di legge prima ancora che una richiesta di Google. È, dunque, fondamentale che si verifichi l’indicazione di questi due indicatori in ogni promozione di prestiti (online e offline) ed è bene utilizzare questi strumenti offerti dalla normativa sulla trasparenza bancaria per effettuare una scelta consapevole dei servizi finanziari più adeguati alle proprie necessità e possibilità.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006