quinto-pensione-eredi-caso-morte

Quinto della pensione: il prestito che mette al sicuro gli eredi in caso di morte

Chi sta per sottoscrivere la Cessione del Quinto della pensione può essere colto da un dubbio legittimo: cosa ne è del prestito, nel caso di morte? Una considerazione che dimostra lungimiranza e rispetto per gli eredi. Infatti, il più delle volte, la preoccupazione riguarda proprio loro: il prestito andrà a gravare sugli eredi? Ecco perché non c’è da preoccuparsi in caso di decesso.

Quinto della pensione: l’assicurazione che mette al sicuro gli eredi

Una delle caratteristiche di una Cessione del Quinto è la sottoscrizione obbligatoria (per legge) di un’assicurazione che tutela l’istituto che ha concesso il credito e gli eredi del richiedente dal caso di premorienza di quest’ultimo.

Come funziona l’assicurazione nel Quinto della pensione?

I soggetti interessati dal contratto di assicurazione sono:

  • L’assicurato: colui che ha sottoscritto la cessione del Quinto della pensione;
  • Il beneficiario: la banca;
  • L’assicurazione.

In caso di morte, l’assicurazione rimborsa alla banca le rate residue del prestito.

Quanto costa l’assicurazione obbligatoria

Come ogni polizza, il costo del premio assicurativo caso morte per il Quinto della pensione varia da soggetto a soggetto. Alcuni elementi che influiscono sull’assicurazione caso morte che si stipula per il prestito:

  • Sesso (statisticamente, le donne vivono più a lungo e sono, dunque, favorite);
  • Età;
  • Durata del prestito.

Il vantaggio di avere un’assicurazione che metta al sicuro gli eredi in caso di morte di chi ha richiesto la cessione del Quinto della pensione è impagabile, per chi cura la serenità della famiglia.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006