frodi carte di pagamento

Rapporto statistico frodi sulle Carte di pagamento: diminuiscono le transazioni non riconosciute

Le carte di pagamento sono sempre più utilizzate per le transazioni on e offline. Il loro punto di forza è sicuramente la comodità. Tuttavia, questo strumento di pagamento è anche una grande fonte di ansia, dato che fornisce la chiave di accesso ai nostri risparmi.

Esistono alcune regole basilari per abbattere le occasioni di frodi sulle carte di pagamento e ve le abbiamo sottoposte qui. L’impiego prudente e la cura di questo strumento permettono di raggiungere un ottimo livello di sicurezza che ci mette al riparo da frodi più o meno complesse.

Quante sono le frodi sulle carte di pagamento in Italia?

La risposta a questa domanda è fornita dal Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento n° 5/2015: uno studio prodotto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Nel 2014 il volume di transazioni non riconosciute effettuate con carte emesse in Italia è in calo rispetto al contestuale aumento del volume transazioni genuine.

  • Aumento del numero di transazioni genuine attraverso carta di pagamento(2014 su 2013): +20%;
  • Aumento delle frodi (2014 su 2013)i: +5%.

Dove avvengono maggiormente le frodi sulle carte

Il 30% del valore frodato attraverso le carte di pagamento viene speso in internet. A una diminuzione di truffe tramite POS e ATM corrisponde un aumento significativo (60%) delle transazioni non riconosciute su internet. Il web diventa, dunque, il campo privilegiato per i truffatori.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006