Storia della cessione del quinto: quando nasce e come si è evoluta nel tempo

Per trovare le prime forme di cessione del quinto dobbiamo andare molto indietro nel tempo, di oltre un secolo rispetto ad oggi.

Questo tipo di prestito personale, infatti, risale addirittura alla seconda metà del diciannovesimo secolo, ideato dietro richiesta di Re Vittorio Emanuele II che voleva fortemente offrire ai dipendenti statali la possibilità di chiedere un finanziamento attraverso modalità agevolate.

Ripercorriamo quindi la storia della cessione del quinto nei suoi momenti di svolta, che l’hanno segnata e cambiata rendendola quella che conosciamo oggi.

Cessione del quinto: un secolo di agevolazioni per i dipendenti statali

cessione-del-quinto-la-legge-180

La prima forma di cessione del quinto, come abbiamo detto, era riservata dai dipendenti statali. Un privilegio che è durato per un lungo periodo se pensiamo che modifiche sostanziali non ce ne sono state dal momento in cui la cessione del quinto è apparsa sul mercato oltre un secolo fa.

Le prime rivisitazioni del prestito, infatti, risalgono alla seconda metà del ventesimo secolo, quando la cessione del quinto viene rivalutata ed estesa anche ai pensionati.

La legge 180/50 e le prime modifiche sostanziali

Con la legge 180/50 del 5 gennaio 1950 e il decreto attuativo n. 895 del 28 luglio di quello stesso anno, la cessione del quinto viene regolamentata ed estesa anche ai pensionati del settore pubblico. Ogni singolo aspetto di questo prestito viene dettagliatamente spiegato: da cosa fare per richiederlo alle possibili cause di esclusione o alle conseguenze di un mancato pagamento.

La legge finanziaria del dicembre 2004 e le novità in tema cessione del quinto

Dobbiamo aspettare addirittura la fine del 2004 con la legge finanziaria 311 del 30 dicembre per vedere la cessione del quinto estesa anche ai dipendenti e ai pensionati delle aziende private.

Tra le altre novità contenute nel provvedimento, che hanno di fatto reso la cessione del quinto il prestito che conosciamo oggi, annoveriamo:

  • l’eliminazione del monopolio Inpdap, allora unico ente autorizzato ad emettere coperture assicurative sulla cessione del quinto;
  • introduzione di termini più lunghi e flessibilità nella durata del prestito: tra i 24 e i 120 mesi;
  • introduzione della trasparenza contrattuale;
  • possibilità di chiedere il prestito anche per i neoassunti (con contratto di lavoro a tempo indeterminato).

La legge 80 del 2005 e l’estensione dell’età massima entro cui richiedere il prestito

L’ultima novità in tema cessione del quinto si ha con la legge 80 del 2005 che ha ampliato l’età massima entro cui i pensionati possono richiedere questa forma di prestito, rendendola di fatto quella che conosciamo oggi.

Come abbiamo visto, nel corso degli anni, la cessione del quinto è stata modificata, ampliata e resa sempre più comoda e conveniente per i soggetti che ne hanno accesso.

Scopri tutti i suoi punti di forza nella nostra guida completa alla cessione del quinto e scopri come richiederla presso IBL Banca per realizzare i tuoi progetti.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Partita IVA 14994571009