legge stabilità tasse

Le 10 novità sulle tasse del 2016 introdotte dalla Legge di stabilità

Tra conferme e novità, sul tema tasse, la Legge di stabilità 2016 è ricca di spunti interessanti per ogni contribuente. Per comprendere facilmente quali sono le opportunità di risparmio offerte dalle nuove norme, ecco la nostra guida in 10 punti che mette in luce cosa cambia nel 2016 per ciò che riguarda il fisco in seguito alla Legge di stabilità.

Abolizione della Tasi sull’abitazione principale

Una delle tasse meno amate dagli italiani è stata sicuramente la Tasi: l’imposta comunale introdotta con la Legge di stabilità 2014 e fatta gravare sugli immobili. Nel 2016 la Tasi non sarà più dovuta per la prima casa.

Abolizione dell’Imu su terreni agricoli e (alcuni) macchinari d’impresa

Anche l’Imu, l’imposta municipale sui redditi fondiari, è scomparsa per ciò che riguarda i terreni agricoli e quei macchinari d’impresa che, per l’installazione, richiedono il fissaggio a terra (imbullonati). L’Imu è ancora valida, invece, per le prime case di lusso, contraddistinte dalle categorie catastali A-1, A-8 e A-9.

Imu e Tasi: la casa in comodato può usufruire del bonus del 50%

Bonus del 50% sull’Imu e sulla Tasi della seconda casa qualora venga concessa in comodato d’uso a parenti stretti (figlio o genitori). L’incentivo fiscale vale solo nel caso in cui non si sia in possesso di altre case (oltre alla prima di residenza e alla seconda in comodato) e qualora il comodato venga registrato.

Gli affitti a canone concordato usufruiscono dello sconto del 25%

Imu e Tasi scontate del 25% per coloro che concedono case in affitto a canone concordato.

Bonus del 50% sulle ristrutturazioni

Si rinnova l’agevolazione fiscale sulle ristrutturazioni che prevede la deducibilità dall’Irpef del 50% delle spese di ristrutturazione edilizia. La metà del costo sostenuto entro il 31 dicembre 2016 potrà essere dedotto in 10 anni con un limite di spesa di 96mila euro.

Anche i mobili hanno il bonus

Anche l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (minimo classe A+) usufruisce di un bonus del 50% da scaricare sull’Irpef. Tuttavia, l’acquisto deve essere contestuale a una ristrutturazione.

L’unica eccezione è per le giovani coppie, alle quali è concesso il bonus se acquistano la prima casa. Cosa significa giovani coppie per la Legge di stabilità? Presto detto: sposati o conviventi che costituiscano nucleo familiare da almeno 3 anni e almeno uno dei due non deve aver superato i 35 anni.

Ecobonus del 65% sulle riqualificazioni energetiche

Viene prorogato anche il fortunato Ecobonus del 65% sui costi sostenuti per la riqualificazione energetica degli edifici (lavori edilizi per la riqualificazione, acquisto e installazione pannelli solari, coibentazioni, impianti con generatori a biomasse combustibili, sostituzione di impianti di climatizzazione).

Anche in questo caso la detrazione della spesa di lavori, acquisto impianti e installazioni viene dilazionata in 10 anni.

Se la prima casa si acquista in leasing, c’è lo sconto Irpef del 19%

Per chi acquista la prima casa in leasing può detrarre il 19% dei canoni e del riscatto pagati fino al 2020.

Acquisto immobile green da un’impresa: l’Iva è dimezzata

Se state acquistando un immobile di classe energetica A o B che utilizzerete come residenza, pagherete l’Iva al 50%. O meglio: potrete detrarre dall’Irpef la metà della tassa sul valore aggiunto in 10 anni.

Credito d’imposta per chi vuole sentirsi al sicuro

Tra i bonus fiscali previsti dalla Legge di stabilità 2016, in ultimo, c’è il credito d’imposta dedicato a tutti coloro che acquisteranno sistemi o servizi di sicurezza (allarmi, videosorveglianza o servizi di istituti di sorveglianza). L’importo di questa agevolazione sulle tasse non è ancora stato definito.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006