Chiedere o rinnovare la cessione del quinto, cosa prevede la normativa in vigore

Le richieste di concessione e rinnovo anticipato della cessione del quinto hanno subito un interessante incremento nel secondo semestre del 2020, come emerge dai numeri diffusi da Banca di Italia in relazione al periodo post lockdown. Effetto della chiusura o delle agevolazioni parte della normativa in vigore per tutto l’anno in corso? Analizziamo la situazione.

Il quadro generale delle richieste di finanziamento alla riapertura

In un momento di fervore generale a seguito della riapertura post lockdown, nel comparto della richiesta di prestiti personali alle banche le domande per ottenere o rinnovare la cessione del quinto dello stipendio sono aumentate rispetto al periodo precedente. Sicuramente uno dei motivi del boom è dato da un significativo abbassamento dei tassi di interesse post lockdown. Tuttavia, molto dipende anche dalla normativa in vigore da inizio 2020, in particolar modo per quanto riguarda il rinnovo di questa specifica forma di finanziamento. Identifichiamo i punti più salienti.

La normativa in vigore sulla cessione del quinto: cosa sapere

Le principali novità 2020 in tema di cessione del quinto sono state:

  • il taglio dei tassi di interesse, più bassi rispetto a quelli dell’anno passato, anche per i prestiti con un importo superiore ai 15.000 euro;
  • il significativo abbassamento del tasso di TAEG;
  • la possibilità di chiedere il rinnovo della cessione del quinto dello stipendio con tassi di interesse inferiori rispetto al precedente contratto in essere.

Tra le condizioni rimaste invariate rispetto al 2019 in tema di rinnovo della cessione del quinto:

  • il prerequisito di aver pagato almeno il 40% del totale dell’importo richiesto;
  • i periodi imposti dalla legge 180/1950;
  • la clausola di dover contrarre una nuova cessione del quinto della durata di 120 mensilità se non sono passati almeno due anni rispetto all’inizio del pagamento del primo finanziamento ottenuto.

Rinnovo anticipato della cessione del quinto: a cosa fare attenzione

In fase di richiesta di rinnovo anticipato della cessione del quinto è bene prestare attenzione ad alcuni aspetti importanti:

  • i costi di estinzione della cessione del quinto in essere; 
  • spese per aprire la pratica di rinnovo del finanziamento;
  • l’eventuale aumento dei costi di incasso rata nel caso in cui la nuova cessione del quinto abbia una durata maggiore rispetto alla precedente;
  • la richiesta di stipula di una nuova assicurazione.

I vantaggi del rinnovo anticipato

Chiedere o rinnovare la cessione del quinto dello stipendio, ad oggi, ha i suoi vantaggi, una volta analizzati i costi della negoziazione. Vista la particolarità dell’anno che stiamo vivendo e le agevolazioni previste nella normativa in essere dall’inizio del 2020, infatti, tutti i dipendenti pubblici, statali o privati interessati a chiedere o a rinnovare la cessione del quinto godranno di tassi di interesse agevolati e, in caso di rinnovo, di una liquidità maggiore rispetto a quella del finanziamento precedente.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Partita IVA 14994571009