prestito chirografario cos’è

Finanziamento (o prestito) chirografario: cos’è e come funziona? La garanzia in una firma

Per spiegare cos’è il finanziamento chirografario in poche e semplici parole basterà dire che è una tipologia di prestito che non richiede garanzie reali, al di là della certificazione reddituale.

L’etimologia dell’aggettivo “chirografario” deriva dal termine greco “chiro” (mano) e “grafo” (scritto), vale a dire “sottoscritto” o “firmato”. La firma di chi richiede il prestito è ritenuta, infatti, l’unica garanzia richiesta per accedere a questo tipo di finanziamento.

Il prestito chirografario è davvero un finanziamento senza garanzia patrimoniale?

Seppure il nome e la descrizione di questo tipo di finanziamento potrebbero suggerire una sostanziale irresponsabilità patrimoniale da parte di chi richiede il prestito, non è così.

Secondo il dispositivo dell’art. 2740 del Codice Civile: “Il debitore risponde dell’adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri”. Nel caso della Cessione del Quinto, la funzione della polizza assicurativa è quella di coprire i rischi, mettendo al sicuro i beni personali propri e degli eredi.

Nella maggior parte dei casi di prestito chirografario, l’istituto di credito richiede una garanzia non patrimoniale, come stipendio o pensione.

Le tipologie di “finanziamento con la firma”

La categoria prestito chirografario non descrive una tipologia particolare di finanziamento, ma racchiude un’ampia gamma di prestiti ampiamente diffusi.

Per avere ben chiaro cosa sono i prestiti chirografari, basterà fare alcuni esempi di prodotti del credito che rientrano in questa famiglia:

Prestito di consolidamento.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006