i tempi di attesa per un finanziamento

Finanziamenti e tempi di attesa? Dipende dal tipo di prestito erogato

Avete deciso di richiedere un finanziamento ma non siete ben informati sui tempi di attesa? Ecco quanto bisogna aspettare in base al tipo di prestito che si è scelto.

I finanziamenti, infatti, prevedono ognuno una specifica procedura di approvazione. In questo modo, avrete chiare sia le finalità sia le tempistiche, per poter poi scegliere il finanziamento con i tempi di attesa più adatti alle vostre esigenze.

Prestito personale

Il prestito personale è un finanziamento che consente di ottenere una somma di denaro senza la necessità di spiegare la motivazione per cui verrà utilizzata (infatti, si definisce prestito non finalizzato). È possibile rimborsarla con trattenuta sul conto corrente o tramite bollettini postali.

Quanto tempo ci vuole per l’erogazione

Il prestito personale è uno dei metodi di finanziamento più veloci: può richiedere, infatti, un tempo di attesa che di solito non supera i dieci giorni lavorativi (le tempistiche possono variare da banca a banca).

Cessione del quinto

Si tratta di un prestito personale al consumo, non finalizzato, estinguibile sul medio o lungo periodo, attraverso rate rimborsabili con la cessione di un quinto dello stipendio o della pensione (il 20% del netto percepito).

Quanto tempo ci vuole per l’erogazione

Nel caso della cessione del quinto, i tempi di attesa possono arrivare anche a due o tre settimane (termine che, comunque, è indicativo). I tempi di erogazione variano anche a causa di cessioni ancora in corso che devono quindi estinguersi. In linea di massima, il tempo di attesa è circa il doppio rispetto a quello previsto dal prestito personale.

Prestito INPS con banche convenzionate

I prestiti INPS con banche convenzionate sono finanziamenti personali erogati, anche tramite cessione, direttamente dall’ente oppure da parte di banche o istituti finanziari. È un tipo di finanziamento ottenibile a tassi agevolati, il cui accesso diretto è garantito ai soli dipendenti pubblici.

Quanto tempo ci vuole per l’erogazione

Nell’eventualità di un prestito INPS con banche convenzionate, solitamente i tempi di attesa si aggirano, mediamente, intorno ai sette-otto giorni lavorativi. Ovviamente, i tempi aumentano per i prestiti pluriennali. Ma in linea generale la risposta è abbastanza rapida.

Prestito online

Si richiede quando il finanziamento occorre subito o in tempi brevi. È un modo veloce per ottenere una somma di denaro indispensabile per urgenze o simili.

Quanto tempo ci vuole per l’erogazione

Come per il prestito personale, anche per il prestito online i tempi di erogazione si aggirano mediamente sui dieci giorni lavorativi.

Prestito finalizzato

Si tratta di una tipologia di finanziamento erogato da un istituto o società di credito e concesso contestualmente a un acquisto. Il caso più comune e conosciuto di prestito finalizzato è sicuramente il mutuo.

Quanto tempo ci vuole per l’erogazione

La concessione è contestuale all’acquisto, dunque i tempi di attesa sono azzerati a meno che non si debbano effettuare verifiche ulteriori per la concessione della finanziaria, e questo può voler dire attendere anche due o tre giorni.

Tempi di attesa in caso di esito negativo

In caso di esito negativo, quindi qualora l’istituto di credito decidesse di non erogare il finanziamento richiesto, è necessario attendere circa trenta o quaranta giorni per presentare nuovamente domanda di prestito.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006