Quanti giorni per l'accredito di un bonifico

Quanti giorni dopo: i tempi per l’accredito di un bonifico

Quando si sta attendendo l’accredito dello stipendio o di altro bonifico, i giorni sembrano non passare mai. Eppure, il tempo che trascorre tra l’autorizzazione del trasferimento dei fondi e la messa a disposizione della somma sul conto corrente del destinatario è frutto di calcoli ben precisi che dipendono da diversi fattori. In poche parole, stiamo parlando di quanti giorni ci vogliono per l’accredito di un bonifico.

Cos’è un bonifico

Si parte dalle basi. Un bonifico è un’operazione bancaria molto semplice, grazie alla quale dei fondi vengono trasferiti da un conto corrente verso:

  • Un conto corrente di cui si è proprietari;
  • Un conto corrente intestato a terzi.

Per procedere con l’operazione, tutto ciò di cui si ha bisogno è il codice IBAN del conto corrente dove sarà versato il denaro (e del codice BIC o SWIFT in caso di bonifici effettuati o ricevuti in un Paese al di fuori del sistema SEPA).

Esecuzione e accredito

Bisogna, a questo punto, chiarire una differenza:

  • Per esecuzione si intende la data in cui la predisposizione del bonifico viene a tutti gli effetti messa in atto. Ad esempio, si può decidere che un bonifico venga eseguito il giorno dopo rispetto alla data in cui è stato predisposto.
  • L’accredito, invece, è il giorno in cui la somma viene effettivamente accreditata sul conto del beneficiario.

Il tempo che intercorre tra questi due passaggi viene calcolato in giorni di valuta.

Cosa sono i giorni di valuta

Con giorni di valuta s’intende il numero di giorni lavorativi necessari affinché una somma di denaro gestita attraverso operazioni bancarie venga registrata (in attivo o in passivo) nell’estratto conto di ordinante e beneficiario. La data di valuta, oltre a indicare la disponibilità su conto corrente di una somma oggetto di un trasferimento di fondi, indica anche da quale giorno tale somma inizia a produrre interessi.

Quando viene accreditato un bonifico?

La risposta a questa frequente domanda dipende dalla tipologia di bonifico bancario di cui si sta parlando.

  • Bonifico SEPA. Nel bonifico SEPA, ad esempio, la banca dell’ordinante e del beneficiario devono obbligatoriamente fare in modo da accreditare la somma disposta entro 24 ore lavorative successive al bonifico (se effettuato online).
  • Bonifico allo sportello. I giorni di valuta diventano massimo due se la disposizione avviene per via cartacea presso lo sportello della banca. Questo qualora la disposizione di bonifico da parte del mittente avvenga entro l’orario limite per la lavorazione dell’operazione in giornata, detto orario di cut-off.

L’orario di cut-off

Non esiste un solo orario di cut-off condiviso da tutti gli istituti di credito ma ogni banca può stabilire il proprio personale limite per la lavorazione dell’operazione in giornata. L’orario di cut-off di IBL Banca è alle 17:00.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006