interessi-legali-convenzionali-mora

Interessi legali, interessi convenzionali, interessi di mora: ecco cosa sono

Quando si richiede un finanziamento, è bene sapere che esistono delle condizioni da rispettare che caratterizzano il prestito stesso e si riferiscono nella fattispecie agli interessi. Questi possono essere: legali, convenzionali e di mora. Nell’ambito dei prestiti, l’obbligazione da parte del soggetto richiedente è di due tipi:

  • Principale;
  • Accessoria.

La prima è la somma che deve essere restituita al termine del contratto di finanziamento stipulato. La seconda si riferisce, invece, alle somme che devono essere corrisposte, per contratto, come costo del prestito ricevuto. Ci riferiamo, quindi, agli interessi.

Proviamo a spiegarvi, in parole semplici, cosa sono gli interessi legali, gli interessi convenzionali e gli interessi di mora.

Interessi legali

Gli interessi legali si chiamano così perché sono riconosciuti per legge e hanno un valore che viene definito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, appositamente, tramite Decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. All’interno di una tabella, resa nota annualmente, è riportata la percentuale corrispondente del tasso o saggio d’interesse. Gli interessi legali sono considerati come i frutti civili dell’utilizzo del capitale altrui.

Interessi convenzionali

Gli interessi convenzionali hanno un valore fissato al momento della stipula del contratto di finanziamento. La loro determinazione, quindi, è condivisa da entrambe le parti: cliente ed ente erogatore. L’articolo 1284 del codice civile, al terzo comma, fissa la misura di questi interessi. Nel caso in cui il tasso d’interesse fosse superiore a quello legale, la sua determinazione deve essere chiarita e scritta sul contratto.

Interessi di mora

Gli interessi di mora, anche detti moratori, sono importi dovuti all’ente erogatore del prestito, nel momento in cui il soggetto richiedente si trova in ritardo con il rimborso del debito ed è quindi debitore in mora. Anche se non espressamente previsti per contratto, gli interessi di mora devono comunque essere restituiti, perché costituiscono un risarcimento dei danni causati, in seguito all’azione ritardata di pagamento. Permane il tipo d’interesse valido prima della messa in mora e, su questo, l’interesse viene calcolato.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006