mutuo cosa sapere

5 cose da sapere prima di chiedere un mutuo: stare attenti e chiedere le giuste informazioni

Cosa sapere prima di accendere un mutuo? Domanda legittima, visto che la firma di questo finanziamento e la scelta di comprare casa sono due passi molto importanti. E gli aspetti principali da tenere sempre ben presenti sono questi cinque.

1. Come comprare casa

Se si sta pensando di accendere un mutuo, ovviamente, il desiderio è avere una casa di proprietà, dove potersi costruire un futuro. Quindi, la primissima cosa da sapere è come comprare casa.

I passaggi principali:

  • Scegliere la zona;
  • Cercare la casa;
  • Scegliere la casa e fare una proposta di acquisto;
  • Firmare il contratto preliminare;
  • Stipulare un mutuo;
  • Comunicare l’accettazione al proprietario/agenzia;
  • Firmare il rogito.

Informazioni più dettagliate al riguardo sono disponibili nell’approfondimento: Come comprare casa: una guida con informazioni, consigli e opportunità.

2. Scegliere il mutuo

I mutui non sono tutti uguali. E bisogna stare attenti a chi viene chiesto. L’istituto di credito/intermediario finanziario deve avere grande esperienza alle spalle, poter garantire l’erogazione del finanziamento in tempi consoni ed essere completamente trasparente su tutti gli aspetti del mutuo, come il tasso di interesse.

Per maggiori informazioni: Quale mutuo scegliere? Bisogna considerare questi 3 aspetti.

3. Scegliere tra tasso fisso e tasso variabile

Essere indecisi tra il mutuo a tasso fisso e il mutuo a tasso variabile è una situazione molto comune. In linea di massima, e partendo dal presupposto che un mutuo è sempre un finanziamento di una cerca entità (solitamente, mai inferiore ai 100mila euro), bisogna considerare che:

  • Il tasso di interesse fisso è preferibile per mutuo di lunga durata;
  • Il tasso di interesse variabile può essere valutato per mutui di breve durata.

4. Valutare bene TAN e TAEG

  • Il tasso annuale nominale (TAN) è il tasso di interesse annuale che l’istituto di credito applica alla rata (e, quindi, al mutuo);
  • Il tasso annuo effettivo globale (TAEG) è il costo complessivo del mutuo, comprensivo di tutti gli oneri accessori (come spese di istruttoria ed eventuali assicurazioni – escluse le spese notarili).

TAN e TAEG devono essere chiaramente indicati dall’istituto di credito/intermediario sul contratto per l’erogazione del mutuo.

5. Valutare le agevolazioni

I giovani hanno diverse agevolazioni a disposizione per chiedere un mutuo e comprare casa. Agevolazioni che riguardano, ad esempio, garanzie sulla quota capitale e detrazioni del credito d’imposta. Al riguardo: Un sogno che si realizza: le agevolazioni sul mutuo prima casa per giovani.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Partita IVA 14994571009