Prestiti online sicuri

Prestiti online sicuri: 7 cose da valutare per non sbagliare prestito

Non c’è dubbio: la possibilità di richiedere i prestiti online è una grande risorsa per chi è alla ricerca di prestiti veloci. Tuttavia, alcune indicazioni potranno tornare utili a coloro che non vogliono sbagliare nella scelta dei prestiti online più sicuri e rispondenti alle loro necessità.

Con tutta la tranquillità e l’intimità di casa, grazie alle connessioni internet, la ricerca online dei prestiti è piuttosto semplice e può essere effettuata anche all’infuori degli orari d’ufficio, senza necessità di recarsi presso le agenzie di banche e istituti finanziari.

È fondamentale che, nella fase esplorativa dei prestiti online, si riesca a dedicare abbastanza tempo per valutare alcuni elementi essenziali alla valutazione delle singole offerte, per poter andare sul sicuro nel momento di effettuare la richiesta attraverso i moduli online.

Le offerte di finanziamenti sul web sono innumerevoli e scegliere il prestito più giusto e sicuro può essere un’impresa non indifferente. Di seguito vi forniamo alcune indicazioni da seguire per valutare il prestito online in modo semplice e veloce.

TAN

La richiesta di prestito online può far perdere la percezione dell’importanza della decisione che dobbiamo prendere. Il primo elemento da valutare è sicuramente il TAN (Tasso Annuo Nominale). È il tasso che determina gli interessi e che può variare da banca a banca e a seconda del tipo di finanziamento scelto. È un parametro che può dare la misura della convenienza del prestito, ma che va letto assieme al TAEG.

TAEG

Un ulteriore parametro da tenere in considerazione. È il Tasso Annuo Effettivo Globale e tiene conto di tutte le spese legate al prestito. I prestiti possono facilmente essere comparati utilizzando questo indicatore. Serve a capire, con un buon grado di sicurezza, qual è il prestito che conviene di più in termini economici.

Vi invitiamo a leggere l’approfondimento del Magazine di IBL Banca per comprendere meglio le differenze tra TAN e TAEG.

Per la valutazione di un prestito “a norma di legge” potrà essere utile anche un confronto tra il TAEG e le tabelle dei TEGM, per valutare se il TAEG rientra nelle soglie oltre i quali Banca d’Italia definisce gli interessi come usurai. Per scoprire di più su cos’è e a cosa serve il TEGM, leggete questo approfondimento.

Durata del prestito

La possibilità di prolungare il prestito può essere un criterio di valutazione del prestito online più conveniente e sicuro. Infatti, un tempo di rimborso lungo può significare una rata meno incisiva sulle nostre finanze e una maggiore facilità di restituzione.

Spese accessorie

Un indizio dell’incidenza delle spese accessorie che gravano su un prestito è già fornito dal TAEG. Tuttavia è un elemento da valutare con attenzione e può essere utile valutare le spese nel dettaglio. Per i prestiti proposti online, i fogli informativi devono essere resi disponibili già online dalla banca o dell’istituto finanziario (o su richiesta). Qualora fossero di difficile reperibilità è il caso di dubitare della serietà dell’offerta e della sicurezza del prestito.

Abilitazione all’erogazione di un prestito

Prima di compilare il modulo di contatto online per la richiesta di un prestito, per essere sicuri, sarà bene verificare anche l’abilitazione all’erogazione del prestito del soggetto al quale stiamo per inoltrare la richiesta. Verifica utile soprattutto nel caso in cui non ci si trovi di fronte a un nome noto del settore. Per questo esistono gli elenchi e gli albi gestiti da Banca d’Italia.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006