Prestiti per dipendenti privati

Prestiti per dipendenti privati: ecco perché Cessione del Quinto è il finanziamento giusto

I dipendenti privati (cioè i dipendenti che lavorano presso aziende private) che vogliano chiedere un prestito hanno una corsia preferenziale: quella della Cessione del Quinto. Questo tipo di credito al consumo è pensato appositamente per tutti coloro che possono vantare l’entrata fissa e regolare della busta paga.

È un prestito comodo e flessibile, facile da gestire e in grado di fornire la liquidità necessaria a sostenere le piccole o grandi spese personali o familiari per il quotidiano o per realizzare i sogni e i desideri che non possono più attendere.

Prestito con Cessione del Quinto per dipendenti privati: i 3 vantaggi

Per coloro che sentissero parlare per la prima volta di Cessione del Quinto, consigliamo di leggere questo approfondimento. Qui vogliamo sottolineare alcuni degli aspetti più vantaggiosi di questa tipologia di prestito non finalizzato:

  1. Un prestito discreto – Per ottenere la Cessione del Quinto non si dovrà dichiarare nessuna finalità, lasciano l’impiego delle somme ottenute a completa discrezione del richiedente e senza vincoli.
  2. Il prestito che ti fa dimenticare le rate e le scadenze – La rata di rimborso del prestito con Cessione del Quinto viene trattenuta automaticamente dallo stipendio. In questo modo non si dovrà pensare alla scadenza della prossima rata o avere timore d’interessi di mora per mancato pagamento.
  3. In caso d’insolvenza, il prestito non grava sugli eredi – Una caratteristica vantaggiosa della Cessione del Quinto è la copertura della polizza assicurativa, che interviene in caso d’insolvenza senza gravare sugli eredi del richiedente.

Come funziona il prestito

I dipendenti privati possono richiedere la Cessione del Quinto presentando una documentazione minima. Il finanziamento viene erogato per intero e messo a disposizione del richiedente.

Come si è detto, il rimborso della rata (che non potrà superare un quinto dello stipendio netto) viene trattenuto direttamente dalla busta paga.

Per avere un’idea della rata massima che si può affrontare richiedendo tale prestito, leggete l’approfondimento “Come calcolare il quinto dello stipendio”.

Per conoscere meglio le altre caratteristiche di questo prestito dedicato anche ai dipendenti di ditte private, ecco le risposte alle domande più frequenti:

Quanto può durare la Cessione del Quinto?

Il tempo di ammortamento del prestito può essere dilazionato fino a 120 mesi. L’estinzione deve avvenire entro l’85° anno di età del richiedente.

Sono richieste assicurazioni obbligatorie?

Si richiede obbligatoriamente di sottoscrivere un’assicurazione contro il rischio vita e il rischio di perdita d’impiego.

È possibile rinnovare la Cessione del Quinto?

È possibile estinguere anticipatamente e rinnovare il prestito recuperando gli interessi non maturati. Potrà essere rinnovata solo dopo il pagamento dei 2/5 delle rate.

I “cattivi pagatori” possono ottenere questo prestito?

La concessione della Cessione del Quinto non è influenzata dallo status di “cattivo pagatore”.

La Cessione del Quinto: il prestito da richiedere se si è dipendenti privati

I dipendenti privati che fossero alla ricerca di un prestito di semplice gestione e flessibile, troveranno, nella Cessione del Quinto dello stipendio, il prodotto ideale per ottenere il finanziamento necessario per la realizzazione dei propri sogni o per la soddisfazione delle proprie esigenze.

Per conoscere più a fondo questo prestito, gli operatori di IBL Banca e le nostre filiali sono a vostra disposizione per fornire tutte le informazioni necessarie.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006