indennizzo-rca

Differenza tra indennizzo diretto e indiretto: lo scenario delle assicurazioni RCA

Anche se ci si augura di non dover essere mai coinvolti in un sinistro automobilistico, è opportuno sempre essere adeguatamente informati circa le scelte da compiere, valutando la migliore soluzione in base alle circostanze. L’assicurazione RCA contempla, al suo interno, due diverse opzioni: l’indennizzo diretto e indiretto. Capiamo come si applicano e quali sono le differenze.

RCA: cos’è l’indennizzo diretto e come si applica

L’assicurazione RC Auto si attiva tramite l’indennizzo diretto che, dopo opportune verifiche, avvia il rimborso verso l’assicurato. La differenza tra indennizzo diretto e indennizzo indiretto ha acquistato rilevanza soprattutto alla luce delle novità introdotte dal Decreto Bersani (DL 7/2007), entrato in vigore a partire dal 1° febbraio del 2007.

Da questa data, infatti, alcuni passaggi si sono semplificati. Nel passato era la compagnia assicuratrice del responsabile a dover risarcire completamente la controparte del sinistro. Adesso, se sussistono le condizioni, il danneggiato può rivolgersi direttamente alla propria assicurazione e ottenere il rimborso (totale o parziale) commisurato rispetto al coinvolgimento nell’incidente. Saranno poi le due compagnie ad accordarsi tra di loro.

Le condizioni per l’indennizzo diretto

Le condizioni che concorrono a far scattare il meccanismo del risarcimento diretto possono essere queste:

  • il sinistro deve essersi verificato su suolo italiano;
  • i soggetti coinvolti devono avere residenza in Italia;
  • il sinistro non deve aver comportato lesioni gravi alle persone coinvolte;
  • i veicoli coinvolti (esclusi i mezzi agricoli o speciali) devono essere solo due: a motore, immatricolati e assicurati in Italia;
  • i veicoli devono essere entrati in contatto.

Lo scenario attuale indica che il sistema del risarcimento diretto, anche se migliorato, resta ancora fortemente penalizzato dal sistema basato sui forfait.

Le differenze con l’indennizzo indiretto

  • Nel caso in cui l’incidente abbia provocato feriti, questi dovranno procedere con l’iter dell’indennizzo indiretto, ovvero rivolgendosi alla compagnia di assicurazione dell’altra auto coinvolta.
  • I tempi dell’indennizzo diretto sono più brevi e l’iter è più snello, ma il suo impiego rimane comunque una libera scelta.

In alcuni casi la differenza tra indennizzo diretto e indiretto diventa un elemento fondamentale per scegliere tra diverse proposte di polizze, come nel caso delle assicurazioni sanitarie. Queste prevedono due possibili modalità di indennizzo: nel caso di indennizzo diretto, la compagnia di assicurazione pagherà direttamente la fattura delle strutture sanitarie, mentre nel caso dell’indennizzo indiretto sarà l’assicurato a saldare il conto e a ottenere il rimborso successivamente.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006