come funziona cessione quinto stipendio

Cessione del quinto dello stipendio e della pensione: cos’è e come funziona

Esistono numerose forme di finanziamento, ognuna con le sue caratteristiche e modalità di rimborso. Tra queste, ve n’è una che spesso si sente nominare: si parla della cessione del quinto. Ma cos’è, di preciso? E come funziona?

Cos’è la cessione del quinto

La cessione del quinto è una particolare tipologia di finanziamento: il rimborso avviene trattenendo mensilmente la rata dal proprio stipendio o dalla propria pensione. Rata, però, che non può appunto superare un quinto (il 20%) del totale della busta paga o della pensione percepita.

Come funziona la cessione del quinto

Al momento della richiesta, l’importo delle rate e la durata del finanziamento vengono scelti dal cliente, col limite, ovviamente, che le rate di rimborso non possono superare un quinto dello stipendio mensile netto o della pensione netta: queste ultime vengono detratte dalla busta paga o dalla pensione direttamente dal datore di lavoro, che provvede a versarle alla banca.

Chi può chiedere la cessione del quinto

A richiederla possono essere:

  • I lavoratori, sia pubblici sia privati, con un contratto di lavoro dipendente e a tempo indeterminato;
  • I dipendenti a tempo determinato (purché il piano di rientro non superi il termine del contratto di lavoro);
  • I titolari di pensione.

Quanto si può chiedere

Bisogna considerare due aspetti:

  • La rata, come già detto, non può superare il quinto dello stipendio netto o della pensione netta;
  • Un finanziamento con cessione del quinto deve avere una durata massima di dieci anni.

Quindi, il massimo richiedibile tramite prestito con cessione del quinto varia in base allo stipendio o alla pensione del richiedente.

Richiedere la cessione del quinto: requisiti e documenti

Percepire uno stipendio o una pensione, dunque, è l’unico requisito di cui si ha bisogno per l’erogazione del prestito, senza la necessità di avere garanzie patrimoniali.

I documenti necessari per richiedere la cessione del quinto sono:

  • Per i dipendenti: documento di identità, codice fiscale, ultime due buste paga, CUD, certificato di stipendio;
  • Per i pensionati: documento di identità, codice fiscale, ultimi due cedolini di pensione, CUD, certificato di pensione.

Oltre a questi documenti, nel corso dell’istruttoria potrebbe essere richiesta altra documentazione specifica.

Come si calcola la cessione del quinto

  • Calcolo del quinto dello stipendio. Innanzitutto, servono la paga oraria e le ore di lavoro definite per contratto, così da ricavare lo stipendio netto mensile. Poi, si divide lo stipendio netto mensile per cinque e si ottiene la rata massima mensile.
  • Calcolo del quinto della pensione. Bisogna calcolare la cosiddetta quota cedibile o richiedibile, che sarebbe la pensione al netto delle trattenute fiscali e previdenziali. Un quinto di tale pensione netta è la rata mensile massima richiedibile. Il quinto della pensione non può mai, per nessun motivo, eccedere la soglia della pensione minima.

La cessione del quinto: conviene?

La cessione del quinto è una delle soluzioni migliori per chi ha bisogno di liquidità e ha un’entrata mensile fissa. Perché le rate sono sostenibili (in quanto proporzionali allo stipendio o alla pensione) e perché l’importo viene detratto automaticamente (quindi non se ne deve occupare chi ha richiesto il prestito).

Come chiedere la cessione del quinto

Per richiedere la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, basta recarsi in una delle filiali IBL Banca o chiamare il numero verde 800 91.90.90, in modo da verificare se esistono le condizioni necessarie all’erogazione del prestito.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede legale e direzione generale: Via Venti Settembre 30 - 00187 Roma, Tel. 06/48797100
Partita IVA 14994571009