conti deposito non vincolati

Gestione del risparmio: le caratteristiche del conto deposito non vincolato

Cos’è un conto deposito non vincolato (o libero) e quali sono le sue caratteristiche? Per conoscere meglio questo strumento di gestione del risparmio, andiamo a vedere quali sono gli elementi che lo differenziano da altri tipi di conti.

Cos’è il conto deposito non vincolato

Questo tipo di conto bancario è un prodotto finanziario, un “servizio di cassa” offerto dalla banca per conto di un proprio cliente. Vale a dire che, su tale conto, vengono custoditi i risparmi sui quali maturano interessi. Il depositante può effettuare dei prelevamenti (entro i limiti della disponibilità) attraverso bonifici (nell’ambito dell’area SEPA) o carta di debito collegata al conto.

Le caratteristiche

Il conto corrente collegato –Il conto deposito non vincolato necessita di un conto corrente collegato, per poter gestire gli spostamenti di denaro.

Il tasso d’interesse – Il rendimento è più alto rispetto a un normale conto corrente e le somme risparmiate sono libere da vincoli temporali: il perfetto equilibrio per i piccoli risparmiatori che vogliono gestire in tutta libertà i propri capitali.

La libertà di movimentare liquidità – A differenza del conto corrente vincolato (con interessi più alti), questo tipo di conto non richiede di bloccare capitali a medio/lungo termine per far fruttare gli interessi.

Di facile gestione – Il conto deposito si caratterizza per la possibilità di effettuare una tipologia limitata di operazioni (generalmente si tratta solo di versamenti e prelevamenti). Ciò lo rende uno strumento di gestione del risparmio facile da gestire.

Seguite il prossimo link per scoprire come calcolare gli interessi sui conti deposito.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006