bonifico irrevocabile

Cos’è un bonifico irrevocabile e quando viene utilizzato

Esistono diversi tipi di bonifico bancario, ognuno dei quali è consigliato in base alla specifica circostanza o necessità di chi lo deve emettere/ricevere. Tra le varie tipologie a disposizione c’è anche il bonifico irrevocabile: di cosa si tratta, con precisione? E in quali casi viene utilizzato?

Cos’è

Sono numerose le circostanze in cui una persona può trovarsi nella necessità di annullare un bonifico: ad esempio, ci si accorge di aver sbagliato i dati relativi al destinatario o l’importo da corrispondere. Il bonifico può essere annullato a patto che la richiesta venga inoltrata nel rispetto delle tempistiche specificate sul contratto (oltre alle tempistiche, sul contratto sono definite anche le modalità specifiche per procedere con l’annullamento).

In linea di massima, un bonifico può essere annullato:

  • Allo sportello;
  • Online.

L’annullamento, però, non è sempre un’opzione praticabile. Alcuni bonifici, infatti, sono irrevocabili, ovvero la somma deve essere necessariamente pattuita senza alcuna possibilità di revoca.

Quando si ricorre al bonifico irrevocabile

Solitamente, il bonifico irrevocabile è la soluzione alla quale si ricorre quando si parla di transazioni di una certa entità per l’acquisto di un bene dal valore notevole. Il bonifico irrevocabile, infatti, funge da garanzia per chi lo riceve, fornendo la certezza che la somma sarà corrisposta regolarmente.

Utilizzando il bonifico irrevocabile, il mutuatario (il destinatario del mutuo) ordina alla Banca di versare il denaro del pagamento, non appena disponibile, al mutuante (ovvero a chi concede/eroga il mutuo).

Anche un bonifico internazionale può essere irrevocabile, e dovrà essere dotato dell’apposito codice BIC o SWIFT.

Bonifico irrevocabile e mutuo

Come già specificato, un bonifico irrevocabile può essere lo strumento per sancire la compravendita di qualsiasi bene di grande valore. Comunemente, viene utilizzato soprattutto quando si richiede un mutuo. In pratica:

  • Le parti in causa si accordano sull’ammontare del mutuo e sulle modalità per restituirlo;
  • Si firma un ordine di bonifico irrevocabile: il denaro non è ancora materialmente nelle mani di chi sottoscrive il mutuo ma viene gestito dalla banca (o dall’operatore finanziario) e dal notaio.

Bonifico o giroconto?

A questo punto, va fatta un’ultima precisazione, perché non tutti hanno ben chiara quale sia la differenza tra giroconto e bonifico.

  • Il giroconto è un trasferimento di fondi tra due conti di uno stesso intestatario;
  • Il bonifico è un trasferimento che può essere effettuato verso un proprio conto o verso un conto intestato a terzi.

Condividi su:

©IBL Banca S.p.A. - Sede Generale: Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
Codice Fiscale 00452550585 - Partita IVA 00897081006